L'ultime ricette

30/03/13

Pastiera di grano e noci by me e molti auguri di Buona Pasqua

Carissimi lettori e amici, domani è Pasqua, la principale festività del cristianesimo. Essa celebra la risurrezione di Gesù che, secondo le Scritture, è avvenuta nel terzo giorno successivo alla sua morte in croce. La data della Pasqua è variabile di anno in anno secondo i cicli lunari e come tutti gli anni anche quest’anno noi a casa la festeggeremo due volte, prima la Pasqua cattolica e poi tra un mese circa quella ortodossa, che segue il calendario giuliano e non quello gregoriano, anche se a volte le due festività cadono nello stesso giorno.
Questa volta come dolce pasquale ho preparato La Pastiera seguendo principalmente la ricetta tradizionale napoletana però con qualche mia modifica. Ecco la ricetta della mia Pastiera di grano cotto e noci.
Ingredienti per la teglia di 25 cm:
Per la pasta frolla 
  • Farina, 250 g
  • Burro, 100 g 
  • zucchero semolato, 100 g
  • uovo, 1 intero + 1 tuorlo (70 g circa in tutto)
  • semi di un quarto di bacca di vaniglia o una vanillina
  • sale,  un pizzico 
Per il ripieno
  • Grano già cotto, 300 g
  • Latte, 350 ml
  • Zucchero, 15 g (un cucchiaio)
  • Burro, 15 g
  • Scorza di un limone + scorza di un’arancia
  • Sale, un pizzico 
  • Farina di noci (spellati), 80 g
  • Ricotta fresca mista (vaccina e di pecora), 330 g
  • Zucchero, 200 g
  • Arancia candita, 50 g
  • Mango candito, 30 g
  • Zenzero candito, 20 g
  • Uova, 2 interi + 2 tuorli
  • Cannella, un quarto di un cucchiaino
  • Essenza di fior d' arancia, qualche goccia
Preparazione:
1. Preparare il grano cotto se non si usa quello già cotto in barattolo. Una volta cotto, pesarlo senza l’acqua di cottura ( in questa ricetta ne servono 300 g) e raffreddare bene.
2. Preparare la pasta frolla: nel mixer mettere la farina, un pizzico di sale ed il burro appena tolto dal frigo, quindi ancora freddo. Frullare il tutto fino ad ottenere un composto dall'aspetto sabbioso e farinoso. Formare con il composto ottenuto una fontana e aggiungere lo zucchero, i semi di vaniglia o una bustina di vanillina e le uova. Amalgamare rapidamente il tutto fino ad ottenere un impasto compatto ed abbastanza elastico. Formare con l'impasto ottenuto una forma di rettangolo o una palla, avvolgerla con della pellicola trasparente e mettere il tutto a riposare il frigo per almeno un’ora.
3. Togliere la pellicina delle noci in modo che vengano scottate per 10 minuti in acqua sul fuoco.  Una volta tolta, per asciugarle basta passarle in una padella sul fuoco alto per circa 5 minuti. Raffreddare le noci e poi nel mixer ridurle in farina insieme con un cucchiaio di zucchero.
4. Preparare il ripieno. Frullare il grano con il frullatore ad immersione (poiché non mi piace sentire troppo il grano e le sue pellicine all’interno del dolce, ma questo è un passaggio facoltativo). Dopodiché versarlo in una pentola con il latte, lo zucchero, il sale, il burro e le scorze di limone e arancia. Scaldare a fuoco dolce (appena ad ebollizione) per una ventina di minuti, il tempo che il latte venga assorbito. Il tutto rimane cremoso e si solidificherà raffreddandosi. Far raffreddare in un altro recipiente.
5. Scaldare il forno a 160°C (statico o 150°C ventilato) e continuare a preparare il ripieno. In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero ( per circa 20 minuti) poi, aggiungere la ricotta, la farina di noci, la cannella e l’essenza di fiori d’arancia. Mescolare tutto ancora ed incorporare delicatamente la crema di grano e latte (con i movimenti dal basso verso l’alto). Aggiungere ora i canditi.
6. Prendere la pasta frolla, dividerla in due parti, una grande per la base della pastiera e una piccola  per fare le decorazioni cioè le strisce di pasta. Stendere la parte grande della  frolla su un piano infarinato a 3-4 mm di spessore. Foderare uno stampo con la pasta facendo ben aderire i bordi (il mio stampo è di 25 cm di diametro e 6-7 cm di altezza). Preparare anche le strisce di pasta.
7. Versare il ripieno nello stampo con la frolla (è un po' fluido) e coprire con le strisce di pasta ben sigillate sui bordi. Cuocere prima nella parte bassa del forno per una quarantina di minuti, poi al centro per altri 20. La torta deve diventare ben dorata. Far raffreddare, prima lasciandola nel forno spento per un quarto d'ora, poi estrarla.
8. Servire a temperatura ambiente l'indomani o ancora meglio 2 – 3 giorni dopo.
Nota: Preparare la Pastiera almeno un giorno prima e conservarla in luogo fresco.
Ancora i miei auguri di Buona Pasqua a tutti voi che festeggiate e passate di qui, ciao!

22 commenti:

  1. Cara Emily, allora saremo in due a festeggiare anche la Pasqua ortodossa fra poco più di un mese!
    Io adoro il tuo blog, le pietanze che ci fai vedere e le foto che accompagnano le tue ricette spiegate così bene! Complimenti mia cara, questa pastiera dev'essere una delizia, ma sai che io non l'ho mai fatta e nemmeno assaggiata? Devo rimediare per l'anno prossimo. Fra l'altro, l'anno prossimo la Pasqua cattolica si festeggerà nello stesso giorno con la Pasqua ortodossa.
    Ti faccio i miei auguri, buona Pasqua e te e famiglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Any, intuivo che sei di religione ortodossa come me, allora per noi doppia festa di Pasqua! Ciao e grazie della visita. Io l'avevo assaggiata la pastiera ma tanti anni fa cosi ora con la mia, mi sono rinffrescata la memoria della sua bontà!

      Elimina
  2. Ciao cara Emily, la tua pastiera è perfetta! mi piace l'idea di averti telefonato mentre preparavi il tuo piccolo capolavoro.... ancora buona Pasqua, ci sentiamo lunedì, bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla, mi è riuscita benissimo la pastiera, mamma come era buona...dico era perché non c'è ne più !;)

      Elimina
  3. Bella e perfetta quest'anno però faccio la millefoglie con la crema chantilly .
    Ti auguro Buona Pasqua a te e famiglia ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm...mille foglie con chantilly? ... avevo preparato una rivisitazione delle mille foglie con il panettone nel mese di febbraio... è una pura goduria!!! Grazie Edvige, ciao!

      Elimina
  4. Che bella Pasqua allegra Emily! Un abbraccio Mille auguri e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la Pasqua per me significa allegria... uova colorate ... primavera ... fiori e dolci e tutto c'era sulla nostra tavola di Pasqua! Grazie Azzurra a te, ciao!

      Elimina
  5. Auguri anche a te cara Emily!! Complimenti per la pastiera che è bellissima!
    un bacione!
    Mari

    RispondiElimina
  6. Buona Pasqua cara anche a tutti i tuoi cari:)
    Non potevi fare dolce migliore e' buonissima la pastiera !!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Ombretta, confermo che è un dolce buonissimo!!! Un bacio!

      Elimina
  7. Tanti auguri di Buona e Serena Pasqua e Pasquetta, un baciooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Donatella, altre tanto, ciao, baci!

      Elimina
  8. buonissima! non ho ancora mai avuto il coraggio di farla perchè temo che la pasta mi resti crudina...dovrò sperimentare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice non avere timore, basta scegliere una buona ricetta per la frolla come questa per la mia pastiera e il resto è un gioco. Grazie della visita, ciao!

      Elimina
  9. Ciao ma che bella la pastiera!Io l'ho assaggiata ed è uno dei dolci più buoni della tradizione italiana ma non l'ho mai preparata perchè mi dicono che è complicatissima..complimenti per la tua!Tienimi una fetta per favore ...Auguri mia cara ciao Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Lia, grazie e ricambio gli auguri! ... Come ho scritto ad Alice, basta avere una buona pasta frolla, l'altro viene da se!!!

      Elimina
  10. certo che sei stata proprio brava!! Mi è venuta una gran voglia di pastiera! non ne ho mai fatta una ma che dici se la faccio anche se pasqua è ormai finita?? Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si che ci sono tra i tuoi lettori!! e da un pezzo anche!!! scorri scorri che mi trovi!!! Con l'occasione ho ridato un'occhiata a questa meraviglia di pastiera!! un bacio marina

      Elimina
  11. Emily ma che bellezza e' perfetta mi piace tantissimo. Ricetta salvata.bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è bella ed è buonissima la pastiera che ho preparato, grazie Veronica, ciao!

      Elimina